www.gianlucacongi.it

Sito in manutenzione - Inconvenienti tecnici

Il presente sito web con finalità esclusivamente informative-didattiche-divulgative, avendo un Software ormai datato, presenta alcuni problemi di visualizzazione, specie da supporti mobili. E'in corso un'attenta valutazione finalizzata alla rimodulazione del sito. Ci scusiamo con gli interessati per gli eventuali inconvenienti tecnici. E'possibile comunque consultare il sito in ogni sua pagina e sezione, cliccando nella relativa parte. Grazie

You are here: Home
  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
  • default color
  • green color
  • blue color
Il serpente bianco della Sila (il Cervone albino, un caso più unico che raro)
Scritto da Gianluca Congi   
Giovedì 14 Gennaio 2010 13:38

Nell’ottobre del 2008, proprio in Calabria, alle propaggini della Sila, mi capitò la grandissima fortuna di descrivere, probabilmente, l’unico caso conosciuto a oggi, di albinismo completo nel serpente Cervone, un giovane interamente biancastro (con accenno rosaceo del tipico disegno giovanile) dall’occhio completamente rosso, iride compresa; un evento scientifico che fece il giro dei più autorevoli ambienti scientifici nazionali e internazionali, legati allo studio e alla ricerca sui rettili (vedasi le immagini). In Bulgaria, nel 1975 ci fu una documentazione di albinismo, in quella che oggi è considerata come Elaphe sauromates, giacché dal 2001 è stata separata come specie da E.quatuorlineata. Dunque, non sono noti casi di cervoni albini, chiaramente documentati, oltre a quello calabrese.

                                                    Quando la natura ci riserva emozionanti sorprese.../IL RACCONTO...

  Un primo piano. In natura il fenomeno dell’albinismo è frequente, gli animali e con essi anche l’uomo nonchè i vegetali devono fare i conti con l’acromia congenita, leucodermia o leucopatia e può essere completa, parziale o imperfetta; in pratica l’albinismo è una deficienza ereditaria della melanina, la sostanza che da il colore alla pelle.

I soggetti albini si riconoscono facilmente dalla pelle molto chiara e dagli occhi rossi, anche se esistono diverse forme di albinismo che non sto qui ad elencarvi altrimenti il senso di questo mio contributo perderebbe tutto l’interesse. Posso solo aggiungere che gli albini si dividono in due gruppi: quelli tirosinasi-negativi (riconoscibili dagli occhi rossi e dalla classica colorazione assente o quasi) e quelli tirosinasi-positivi (alla nascita presentano gli occhi che sono rossi ma che ben presto diventano nocciola ed un pattern di colorazione tipicamente color avorio o caramello).

 
San Giovanni in Fiore (Cs): il paese delle volpi e delle faine.
Scritto da Gianluca Congi   
Domenica 02 Gennaio 2011 17:48

alt

Tempo fa mi ero preoccupato di trattare su un periodico locale, il fenomeno delle volpi in città, spinto dalle numerose richieste di informazioni in merito e dalla voglia di dare le giuste informazioni ecco che uscì un pezzo dedicato esclusivamente alla nostra amica dal pelo rosso e dalla folta coda.

 
IL MIO SITO PER LA NATURA...
Scritto da Gianluca Congi   
Domenica 10 Ottobre 2010 03:18

alt

Nella foto mentre libero un rapace sull'Aspromonte..là dove si sparava il Pecchiaiolo e altri migratori...

Questo sito racconta di un piccolo impegno messo in pratica da parte di un piccolo uomo...tutto ciò al solo ed esclusivo scopo di difendere la natura in modo incondizionato...libero..sincero...forse dimostrando che talvolta  la razza umana quando si impegna può rimediare ai disastri che commette quotidianamente, tante piccole gocce possono muovere un oceano...l'importante è crederci...

 
Radiotracking del Gatto selvatico nel Parco Nazionale della Sila
Scritto da Gianluca Congi   
Domenica 12 Dicembre 2010 13:48

Maggio 2004. Due cuccioli di Gatto selvatico vengono rinvenuti all'interno del Parco Nazionale della Sila in comune di San Giovanni in Fiore (CS). La segnalazione giunge a Gianluca Congi che si attiva immediatamente per la consegna ad un centro specializzato, ecco che in brevissimo tempo i due felini giungono al C.R.A.S. di Rende (CS), i due cuccioli, nonostante la curiosità dei molti vengono tenuti segregati fino alla consegna al centro di recupero, questo per evitare l'imprinting, pur se il Gatto selvatico è davvero forse l'animale più elusivo e selvaggio della nostra fauna. Va rammentato che tutta la fauna selvatica, anche quando apparentemente sembra abbandonata,  non và assolutamente toccata, bensì in casi veramente certi è possibile chiamare o rivolgersi agli enti competenti.

alt

 
<< Inizio < Prec. 31 32 Succ. > Fine >>

Pagina 31 di 32

Area Riservata

Per poter commentare il Blog è necessario registrarsi.



Dopo essersi registrati, attendere l'attivazione finale dall'Amministratore di sitema. Grazie per la collaborazione!

On-line

 28 visitatori online

Newsletter

Per iscriverti alla Newsletter è necessario inserire il tuo nome, la tua email e cliccare su Iscriviti subito.
Nome:
Email:

Statistiche

Tot. visite contenuti : 485423

Sondaggio

Hai mai denunciato qualcuno per aver deturpato la natura?
 

Gianluca Congi

  • E-mail: gianlucacongi@libero.it
  • San Giovanni in Fiore (Cs) - ITALY


 

Visitando questo sito web si autorizza l’impiego di cookie. In alternativa, è anche possibile revocare l’autorizzazione all’impiego di cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information