www.gianlucacongi.it

Benvenuti sul sito web di Gianluca Congi

La natura è la nostra vita...proteggiamola!!!

Gianluca Congi ringrazia tutti i visitatori del suo sito web (quasi 400.000 utenti della rete). Un successo se si considera che il sito non è pubblicizzato in alcuna forma e/o condiviso su nessun social network (facebook-istagram etc.). Lo scopo principale di questo portale non è altro che quello di aumentare il consapevole rispetto verso la natura e gli animali...Buona visione. L'amministratore.
You are here: Home La Sila Il Parco nazionale della Sila
  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
  • default color
  • green color
  • blue color
Il Parco Nazionale della Sila PDF Stampa E-mail
Scritto da Gianluca Congi   
Martedì 12 Gennaio 2010 10:20

 

Parco Nazionale della Sila, Il Lupo è cattivo solo nelle favole. Parco Nazionale della Sila, Il Lago Ampollino. Parco Nazionale della Sila, Il Fiume Tacina. Parco Nazionale della Sila, La Fossiata. Parco Nazionale della Sila, Villaggio Silvana Mansio.

Il Parco Nazionale della Sila è stato istituito in data 8 ottobre 1997, con la Legge n.344, e in particolare l’art. 4, comma 1, ne prevedeva l’istituzione con D.P.R. a decorrere dal 1998. Ci sono voluti ben 5 anni per veder promulgato e pubblicato il D.P.R. istitutivo, Decreto del Presidente della Repubblica che è datato 14 novembre 2002, pubblicato però sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - Serie generale n. 63- del 17 marzo 2003. Un travagliato percorso istitutivo, quello del neo Parco della Sila, che pian piano sta radicando la fattiva e concreta visibilità istituzionale sul territorio. Il 5 Dicembre del 2006 è stata inaugurata la sede amministrativa e legale dell’Ente, alla presenza del Ministro dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, sita in Lorica di San Giovanni in Fiore (Cs).

Il Parco Nazionale della Sila (di seguito denominato P.N.S.) è stato istituito in conformità a proposte di legge e, iniziative che trovano origine fin dagli inizi del secolo scorso giacché le prime idee legislative sono vecchie di quasi 80 anni.

L’idea era nata nell’astuta mente dell’Onorevole calabrese Antonino Anile, uomo attento alle vere potenzialità della Calabria che, suffragato da un diligente studio scientifico condotto dal Prof. Fridiano Cavara dell’Università di Napoli, dette lustro all’enorme e spettacolare ricchezza naturalistica dell’Altopiano Silano, in pericolo costante a causa degli scriteriati tagli che da lì a non molto ne avrebbero impoverito le zone più belle.

Passarono altri anni nei quali la Sila fù sempre più soggetta a depauperamento delle sue risorse: colossi enormi di abeti bianchi, aventi centinaia di anni, erano stati abbattuti da una società tedesca, proprio nella montagna vergine del Gariglione, quella “giungla”, come l’aveva descritta Norman Douglas, di cui oggi esiste solo nei ricordi più remoti di qualche nostalgico.

Nel 1960 fu presentato un nuovo progetto di legge, allo scopo di creare quel comprensorio che sarebbe diventato il Parco Nazionale della Calabria nel 1968 con la Legge n. 503. Un parco anomalo, l’unico a non avere l’omogeneità territoriale, tanto da essere suddiviso in tre aree geografiche separate e distinte, tra le quali due in Sila e una per giunta in Aspromonte. La gestione di questo Parco storico fu affidata all’ ex A.S.F.D. (Azienda di Stato per le Forereste Demaniali), cioè al Corpo Forestale dello Stato; il Parco si sviluppava originariamente su 18.000 ettari complessivi. Esso subì una spoliazione nel 1991 quando, a seguito dell’approvazione della Legge quadro sulle aree protette (n. 394 del 6 Dicembre 1991), venne istituito il Parco Nazionale dell’Aspromonte, il quale inglobava, nei suoi oltre 75.000 ettari, anche la parte strorica del Parco della Calabria. La stessa legge quadro indicava disposizioni normative e di gestione che ben lasciavano intendere che il vecchio e strano parco calabrese ormai doveva adeguarsi alla nuova normativa (cosa mai avvenuta) salvo che, con l’emanazione della Legge n. 344/1997 che istituiva il nuovo Parco Nazionale della Sila. Il neo parco, nato anche per congiungere le due aree storiche del vecchio Parco della Calabria, ebbe modo di aumentarne notevolmente l'estensione a circa 73.695 ettari. Secondo alcuni recenti calcoli più precisi, l'area protetta sarebbe di circa 77.000 ettari.

Oggi il Parco presenta due gradi di zonizzazione e di tutela: - la zona 1 si presenta come di rilevante interesse naturalistico e paesaggistico con inesistente o limitato grado di antropizzazione; - la zona 2 invece si differenzia per il marcato grado di antropizzazione e la presenza delle attività agro-silvo-pastorali. Inoltre quest’ultima è la più estesa, in quanto nella zona 1 ricadono esclusivamente: le aree del vecchio Parco della Calabria, ovvero i boschi demaniali dello Stato più altre aree pubbliche, i SIC (Siti di Importanza Comunitaria) e le riserve naturali dello Stato. Recentemente il Piano del Parco, progettato e già discusso ha visto la rimodulazione della zonizzazione e del grado di tutela individuando quattro zone, definite A-B-C-D con relative sotto aree, il piano tuttavia ancora non è in vigore (il sottoscritto a tempo debito ha presentato opportune osservazioni sulla zonizazzione del parco ed in particolare della porzione ricadente nel territorio di San Giovanni in Fiore, chiedendo la conferma del massimo grado di tutela per le zone già individuate come "1" e per l'inserimento di nuove aree, al rango di "riserva integrale", come ad esempio, alcuni boschi regionali, tipo il demanio forestale di Lamparo e Fiume Lese).

Alcuni comuni hanno già manifestato negli ultimi anni, l’idea di far parte del territorio protetto, forse segno di una maggiore consapevolezza di questo immenso scrigno di biodiversità e delle reali potenzialità di svilupparlo in modo eco-sostenibile.

Questo Parco è nato essenzialmente per congiungere le due aree storiche del Parco della Calabria e per tutelare quello che resta di una Sila sempre più a rischio di invasione e distruzione di aree rimaste fortunatamente indenni da pseudo-progetti di sviluppo e da scellerate idee di infrastrutture invasive, senza alcuna prospettiva di occupazione e allo stesso tempo suscettibili di sfruttamento sostenibile.

Le peculiarità di questo parco montano sono: le immense foreste di Pino laricio silano (Pinus laricio var.calabrica) unite ai boschi di Faggio in quota e ai querceti al di sotto dei 1000 metri; la preziosa popolazione di Lupo appenninico; il patrimonio floristico, faunistico e paesaggistico tipico di questa porzione di Appennino meridionale ma allo stesso tempo unico nel suo genere, in quanto non esiste ambiente simile in tutto il bacino del Mediterraneo! La Sila è un forziere di natura sana, da preservare come sfida, sia dalle minacce globali (quali il cambiamento climatico) e sia da quelle locali, così come poco prima accennate.

San Giovanni in Fiore ha giocato e tuttora continua ha rivestire un ruolo fondamentale per la realizzazione dello sviluppo di questo Parco, ricordando che il territorio più grande, oltre 15.000 ettari, appartiene a questo comune. Inoltre grazie all’asse Montenero - aree limitrofe è stato possibile congiungere le due aree storiche (Sila Grande e Sila Piccola) e, il ruolo del territorio di San Giovanni in Fiore è stato di indispensabile cerniera.

Per questo e per mille altri motivi la sede dell’Ente Parco doveva sorgere nell’ambito di questo territorio: si tratta di realtà e di rivendicazioni “naturali e inequivocabili”, lontane da commenti, scelte politiche e logistiche sempre puntualmente discutibili.

© Gianluca Congi

E'vietata la riproduzione parziale o totale senza citarne l'autore e la fonte: "Gianluca Congi (www.gianlucacongi.it)"

 

Visitando questo sito web si autorizza l’impiego di cookie. In alternativa, è anche possibile revocare l’autorizzazione all’impiego di cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information