www.gianlucacongi.it

Benvenuti sul sito web di Gianluca Congi

La natura è la nostra vita...proteggiamola!!!

Gianluca Congi ringrazia tutti i visitatori del suo sito web (quasi 400.000 utenti della rete). Un successo se si considera che il sito non è pubblicizzato in alcuna forma e/o condiviso su nessun social network (facebook-istagram etc.). Lo scopo principale di questo portale non è altro che quello di aumentare il consapevole rispetto verso la natura e gli animali...Buona visione. L'amministratore.
You are here: Home Didattica Storie e racconti Sila, natura che vive La neve in Sila: un’infinita poesia che non finisce mai di stupirci!
  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
  • default color
  • green color
  • blue color
La neve in Sila: un’infinita poesia che non finisce mai di stupirci! PDF Stampa E-mail
Scritto da Gianluca Congi   
Giovedì 21 Gennaio 2016 22:37

La Sila - ph Gianluca Congi © La quiete dopo la tormenta. L’antichissima montagna verde, cuore dell’azzurro Mediterraneo, stamane è ritornata allo splendore, dopo l’intensa nevicata che ha interessato quasi tutta la giornata di ieri.

L’incanto del Gran Bosco d’Italia, non si è interrotto nemmeno, quando le temperature sono state polari oppure quando la neve, ha sfiorato il metro di altezza, specie sui monti più alti, il Botte Donato (1928 mt.) e il Montenero (1881mt). L’Altipiano della Sila, riserva sempre immense emozioni, vere e autentiche, un fascino primordiale, che rammenta a noi comuni mortali, la grandezza di Madre Natura, al cospetto di tutto il resto. La Sila, in ogni proiezione, in ogni stagione e, in ogni istante, trasmette qualcosa d’intimamente profondo, di fatti, si può solo amare, con l’anima e con il cuore! Un profondo silenzio, adesso, ammanta le estese foreste di pini larici silani, di faggi e abeti bianchi, interrotto solo, dal timido rumore dei ruscelli e dal dolce cinguettio di lucherini, crocieri e cince more. Il risveglio è ancora lontano, anche in quest’anomala stagione. Il pungente freddo e le corte giornate fanno cadere nel sonno più profondo, lo straordinario altopiano dal magico incanto. Verrebbe da chiedersi, se anche gli gnomi, stiano dormendo, giacché, più d’uno, racconta, di misteriose voci, ai piedi di alberi secolari. Questa non è una montagna qualsiasi, perché non trasmette mai una nota di malinconia. Un benigno senso di pace, pervade, chiunque si trovi a passare, per boschi, per monti e per valli, di questa immortale dama di corte, vestita di candido bianco. Signori, questa è la Sila, un’infinita poesia che non finisce mai di stupirci! Gianluca Congi ©

Già pubblicato e tratto da MeteoWeb.eu (clicca qui) e vai alla GALLERY COMPLETA DELLE IMMAGINI.

 

Visitando questo sito web si autorizza l’impiego di cookie. In alternativa, è anche possibile revocare l’autorizzazione all’impiego di cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information