www.gianlucacongi.it

Sito in manutenzione - Inconvenienti tecnici

Il presente sito web con finalità esclusivamente informative-didattiche-divulgative, avendo un Software ormai datato, presenta alcuni problemi di visualizzazione, specie da supporti mobili. E'in corso un'attenta valutazione finalizzata alla rimodulazione del sito. Ci scusiamo con gli interessati per gli eventuali inconvenienti tecnici. E'possibile comunque consultare il sito in ogni sua pagina e sezione, cliccando nella relativa parte. Grazie

You are here: Home Didattica Storie e racconti Gli animali parlano con gli occhi Radiotracking del Gatto selvatico nel Parco Nazionale della Sila
  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
  • default color
  • green color
  • blue color
Radiotracking del Gatto selvatico nel Parco Nazionale della Sila PDF Stampa E-mail
Scritto da Gianluca Congi   
Domenica 12 Dicembre 2010 13:48

Maggio 2004. Due cuccioli di Gatto selvatico vengono rinvenuti all'interno del Parco Nazionale della Sila in comune di San Giovanni in Fiore (CS). La segnalazione giunge a Gianluca Congi che si attiva immediatamente per la consegna ad un centro specializzato, ecco che in brevissimo tempo i due felini giungono al C.R.A.S. di Rende (CS), i due cuccioli, nonostante la curiosità dei molti vengono tenuti segregati fino alla consegna al centro di recupero, questo per evitare l'imprinting, pur se il Gatto selvatico è davvero forse l'animale più elusivo e selvaggio della nostra fauna. Va rammentato che tutta la fauna selvatica, anche quando apparentemente sembra abbandonata,  non và assolutamente toccata, bensì in casi veramente certi è possibile chiamare o rivolgersi agli enti competenti.

alt


La storia dei due gatti è arrivata ai giorni nostri, dopo tutti questi anni uno dei due felini, grazie al sostegno economico dell'Ente Parco Nazionale della Sila è stato rilasciato nel cuore dell'area protetta. L'ambizioso progetto è stato ideato oltre che messo in pratica dagli eperti del CIPR-CRAS ed è il primo del genere in Italia. Il Gatto selvatico è munito di radiocollare perciò è statoì possibile seguirne i movimenti, rispetto all'originario ambiente di rilascio ha percorso oltre 40 km e adesso sembra che si sia stabilizzato in un'area del comune di Acri (CS). Il Gatto selvatico è una specie particolarmente protetta, in passato sulla Sila era cacciato per fini gastronomici. Oggi la Sila conserva, pur se non in presenza di studi specifici molto difficili da fare, una delle popolazioni più importanti dell'Appennino italiano, il Gatto selvatico è una specie molto elusiva ma altrettanto molto rara, il maggiore pericolo, oltre alla distruzione degli habitat congeniali è derivato dall'ibridazione con il Gatto domestico. Per Gianluca Congi, che da anni raccoglie le segnalazioni più attendibili, il Gatto selvatico è presente in più versanti della Sila, segnalazioni certe e avvistamenti specie di notte vengono riportate fedelmente e poi comunicate a chi di competenza per gli studi e la relativa protezione.


 

Visitando questo sito web si autorizza l’impiego di cookie. In alternativa, è anche possibile revocare l’autorizzazione all’impiego di cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information